Attività scientifica

Il modello delle polarità semantiche familiari, elaborato da Valeria Ugazio, ispira una parte considerevole delle attività di ricerca empirica e teorica del nostro Istituto ed è oggetto di molti sviluppi. Recentemente l’impegno di Valeria Ugazio  è volto all’elaborazione di linee guida specifiche che orientino il processo terapeutico con alcune tra le più diffuse psicopatologie e alle dinamiche di coppia nelle varie semantiche. Il modello delle polarità semantiche costituisce un framework anche per ricercatori esterni alla EIST. L’attenzione ai disturbi alimentari, fobici, ossessivo-compulsivi e alle depressioni, che caratterizza l’attività scientifica della Eist, è in gran stimolata da questo modello che ha posto queste psicopatologie al centro della propria elaborazione. In anni recenti, l’interesse si è esteso ai disturbi di personalità – soprattutto ai disturbi borderline e al narcisismo – grazie all’elaborazione clinica e di ricerca di Laura Colangelo e Gabriella Gandino. 

La EIST sviluppa ricerche anche su altri argomenti, quali l’analisi della conversazione, di cui è esponente di rilievo internazionale Maurizio Viaro, le adozioni su cui Ferdinando Salamino e  Elisa Gusmini hanno elaborato un punto di vista tanto divergente dal mainstream quanto promettente dal punto di vista terapeutico, gli effetti della violenza intra-familiare sui bambini a cui si è dedicata soprattutto Lisa Fellin insieme a Jane Callaghan. Alcuni programmi di ricerca della EIST riguardano temi tipici della tradizione sistemica come l’ermeneutica triadica. La EIST è impegnata in ricerche internazionali tra cui un programma sulle coppie interculturali (un partner occidentale mentre l’altro extracomunitario) in collaborazione con il London Intercultural Couple Center  diretto da Reenee Singh.

ULTIME NEWS

ESPLORA TUTTE LE NEWS